martedì 20 gennaio 2015

La teoria del tuttottutto nientenniente

Mi hanno portato al cinema a vederlo e io ci sono andata perchè avendo cambiato città, lavoro, vita e tutto il resto, se qualcuno ti invita per la prima volta ad andar da qualche parte non è carino passar subito da sociopatica e dire che non c'hai voglia. Così ho detto sì e mi son lasciata portare.
Il fatto che fossi la più vecchia del gruppo non ha giovato, suppongo, però ritengo di poter essere comunque obiettiva nel dire che sto film lo hanno ceffato di brutto.


Riassumendo all'osso: è la storia di lui a cui danno due anni di vita, e di lei che si innamora comunque di lui e poi loro si sposano mentre lui sta facendo una brillantissima tesi di laurea basata su una geniale teoria che passerà il resto della vita a smentire.
Nel frattempo non crede in Dio, poi però pare che ci creda, ma alla fine secondo me non ci crede di nuovo e questo perché cerca di trovare la risposta alla domanda fondamentale sulla vita, l'universo e tutto quanto senza l'aiuto di Deep Thought. Nel mentre, i due anni passano e lui resta talmente vivo che ogni volta che tocca la moglie fanno un figlio, perché (spiega lui) il corpo non funziona un granché, ma l'apparato riproduttivo, urca sì, funziona di brutto e in automatico. Suppongo sia per questo che, seppur avanti con gli anni, costretto su una carrozzella e incapace di parlare, riesce comunque a trovarsi l'amante e a lasciare la moglie per risposarsi una seconda volta.

Intendiamoci, Eddie Redmayne è davvero molto bravo a sclerarsi lateralmiotroficamente man mano che il film si evolve, ma io mi aspettavo un po' più di scienza, un po' più di universo, che nella sigla finale l'hanno messo, ok, ma francamente speravo arrivasse prima.

Mi chiedo se a lui sia piaciuto...

16 commenti:

  1. Risposte
    1. :-) In gergo giovanilistico è l'equivalente di "cannato"... Se abbia o meno connotazioni regionali non saprei, ma io ho attivamente contribuito a diffondere il termine in Liguria, Piemonte e Lombardia.

      Elimina
    2. Le frequento tutte, mai sentito prima ;)

      Elimina
  2. Sbolato praticamente. È che una teoria del tutto è facile che divenga del niente, a stringere troppo..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-) Comunque sì, vero, troppo tutto fa confusione e nella confusione non si capisce niente.

      Elimina
  3. in effetti sembra una soap più che un film...

    RispondiElimina
  4. Leggeo che lo stesso Hawking, dopo averlo visto ed essersi commosso, ha lamentato l'assenza di "più scienza". Appena riesco mi guardo lo streaming! (cattiva, lo so!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma va, mica cattiva, è che ci son film che valgono i soldi del biglietto del cinema ed è un peccato mortale non spenderli, ma qui benvenga lo streaming.

      Elimina
  5. Mhh, questi film sono sempre pericolosissimi, in effetti.
    Possono essere delle mattonate assurde.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo nello specifico potrebbe essere scambiato per un film tratto da una storia di Rosamund Pilcher...

      Elimina
  6. Avevo paura ad andare a guardarlo ed ora penso non lo farò.
    Ti sei trasferita?
    Mi devo esser perso questa parte della tua vita.

    In ogni caso, la sola vera risposta alla domanda fondamentale sulla vita l'universo e tutto quanto è già stata trovata ed è "42".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquillo, pure io mi son persa un sacco di parti della mia vita... E comunque un incontro tra Deep Thought e Hawking sarebbe fenomenale. ;-)

      Elimina
  7. durante la scena iniziale del party mi aspettavo che partisse la sigla di the big bang theory. Comunque il film non mi è dispiaciuto.

    RispondiElimina
  8. Come cambiato città, lavoro, vita e tutto il resto!?

    RispondiElimina

otatnemmoc reva rep eizarG